Food Safety & Technology

COSA SI NASCONDE NEI LIMONI LUCIDI?

Chi non ha mai utilizzato la buccia di limone grattugiata per aromatizzare creme, impasti e dolci da forno?
Attenzione! Se in etichetta leggete: BUCCIA NON EDIBILE non va bene grattuggiarla.
Mi sono informata con cosa sono trattati tramite il sito della Banca di Altroconsumo e questo è quello che è emerso:

E 901 CERA D’API,BIANCA E GIALLA:

⦁ EFFETTI SULLA SALUTE: Sono molteplici gli aspetti critici legati a questo additivo (dovuti alla presenza di alluminio). Può contenere allergeni e possibili residui di medicinali veterinari.
⦁ GIUDIZIO: Sconsigliato.

E 904 GOMMA LACCA:

⦁ A questo additivo è associato un possibile rischio di reazione allergica.
⦁ GIUDIZIO: Accettabile.

E 914 CERA POLIETILENICA OSSIDATA:

⦁ Non sembra provocare allergie o reazioni di ipersensibilità.
⦁ Giudizio: accettabile.

E 233 TIABENDAZOLO:

⦁ E’ un conservante sintetico fungicida, antiparassitario ed antimuffa, spruzzato sulla superficie di alcuni tipi di frutta, soprattutto su agrumi e banane, per permetterne la conservazione per tempi prolungati.
⦁ Viene idrolizzato nel fegato ed eliminato dai reni. Alle concentrazioni ammesse giornalmente, sembra non presentare effetti collaterali tossici per la salute dell’uomo.

IMAZIL:

⦁ Colpisce prevalentemente fegato e sistema nervoso.
⦁ E’ un pesticida.

Perché i limoni sono trattati?

La gommalacca oltre ad avere un effetto lucidante nei limoni, va anche a sigillare i pori della buccia e non permette di far respirare il limone, prolugandone così la shelf-life.

I limoni trattati hanno una shelf-life più lunga!

Come avviene il trattamento?

La gomma lacca ha il vantaggio di essere edibile e resistente, in più contrasta il deperimento dell’agrume e gli dona lucentezza.

Quanta cera viene utilizzata?

Lo strato di cera è nell’ordine di qualche micron, quindi è uno strato molto fine.

Cos’è la gommalacca e dove si trova?
La gommalacca è una fragile e scagliosa secrezione dell’insetto dell’ordine degli emitteri Kerria lacca, presente nelle foreste di Assam e Thailandia. Quando la femmina dell’insetto secerne una sostanza particolare che le serve per costruirsi una specie di nido. In sostanza sono secrezioni di insetto utili a proteggere la buccia del limone!

Questi fungicidi restando sulla buccia, tendono con il tempo a penetrarla, e possono essere considerati entrambi problematici, quindi meglio non mangiare la scorza degli agrumi.
E’ meglio acquistare limoni con ancora le foglie attaccate, oppure osservarli controluce per capire se sono stati trattati.
Il rivestimento di cera conserva il limone più fresco, però la buccia in questo caso è meglio non mangiarla!

Giulia Lazzarato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *