Digital transformation

La digital transformation anche nel frigorifero

 

 

L’impiego di nuove tecnologie può creare innovazioni e possibilità di business, un esempio è la tecnologia dei frigoriferi di nuova generazione, con sensori basati su IoT e telecamere.
Sono dotati di tecnologia IoT (Internet of Things) che offre nuove modalità per organizzare la spesa, fare shopping online, cucinare e connettersi in qualunque momento.
Può anche assumere il ruolo di nuovo “aggregatore” di casa, favorendo la comunicazione, creando nuove opportunità di condivisione per la famiglia e facilitando la gestione delle attività domestiche.
Ha la possibilità di tenere sotto controllo gli alimenti presenti al suo interno grazie a tre fotocamere, tramite un’applicazione, che può essere utilizzata per ordinare e consegnare la spesa a casa.
Generalmente chi acquista la spesa online è prevalentemente donna (70%), il (36%) ha tra i 18 e i 34 anni, il 64% ha più di 34 anni. Di questi il 76% sceglie la consegna direttamente in giornata e il 36% entro le due ore.
Gli assortimenti, i prezzi e la shopping experience è simile a quella del punto vendita, a differenza che si paga la spesa alla consegna.

Come avviene la consegna della spesa?

La consegna prevede l’utilizzo di personal shopper, una rete di fattorini che mettono a disposizione un servizio di consegna. Basta registrarsi sulla piattaforma e successivamente quando l’ordine è compatibile con il tempo di consegna del fattorino, avviene la conferma d’ordine tramite App. I fattorini, ovvero gli “shoppers” possono venire prima selezionati con un quiz online e poi il cliente può fare una recensione a fine spesa, in modo da verificare la qualità del servizio.
Quindi se ci dimentichiamo di fare la spesa o abbiamo ospiti inattesi, basterà “telefonare” al frigorifero.
Sicuramente ci sono meno tentazioni e non si acquista più del dovuto, perché si sta seduti comodi in casa propria senza interminabili file alle casse, non c’è il problema di girare a vuoto alla ricerca di un parcheggio, niente pesanti borse della spesa e la possibilità ugualmente di usufruire delle offerte.
Nel futuro come progetto c’è quello di consentire al cliente la selezione della spesa in modalità vocale o con l’utilizzo di una chatbot dotata di intelligenza artificiale.

Giulia Lazzarato

 

 

 

 

https://giornaledelnuovo.com
http://www.risorseinrete.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *